Tu sei qui

25 aprile, l’ISI Pertini dice grazie a chi ha lottato per la nostra libertà

Il Giorno della Liberazione non è un giorno, è la storia di mesi di impegno dei tanti che hanno lottato per la libertà dal nazifascismo permettendo poi la nascita della Repubblica e l'affermazione con la democrazia, di valori condivisi ancora oggi fondamentali per guardare al futuro. Valori che sono alla base della nostra Costituzione e che purtroppo a volte diamo per scontati come la Libertà di pensare, di criticare, di muoversi, di viaggiare, di organizzarsi, di cambiare idea incontrando gli altri.Perché, come dice Piero Calamandrei “la libertà è come l’aria. Ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare, quando si sente quel senso di asfissia che gli uomini della mia generazione hanno sentito per vent’anni, e che io auguro a voi, giovani, di non sentire mai. E vi auguro, di non trovarvi mai a sentire questo senso di angoscia, in quanto vi auguro di riuscire a creare voi le condizioni perché questo senso di angoscia non lo dobbiate provare mai, ricordandovi ogni giorno, che sulla libertà bisogna vigilare, vigilare, dando il proprio contributo alla vita politica.”

Negli anni passati il nostro Istituto ha ospitato diverse volte un uomo che nella vita ha scelto di lottare per la libertà, il nonno partigiano Fortunato Menichetti e che in vecchiaia ha scelto di parlarne con i giovani. 

Ecco che giovedì 29 aprile 2021, l’incontro in occasione del 25 aprile si è aperto nel ricordo proprio di Fortunato Menichetti.

Non senza emozione, la Dirigente, prof.ssa Daniela Venturi, ha letto la lettera che Fortunato scriveva alle scuole per proporre il suo intervento. Testimonianza che noi abbiamo accolto ogni anno dal 2015 fino al 2020. Il figlio Franco Menichetti, collegato con noi a distanza, ci ha ringraziati perchè è quello che avrebbe voluto suo papà ovvero che la sua lotta per la libertà, i valori in cui lui ha creduto, continuassero dopo la sua morte.

Successivamente ha preso la parola il Prof. Stefano Bucciarelli che ha ragionato con gli studenti e con le studentesse sul periodo storico che ha preceduto la Resistenza, fino ad arrivare alle scelte personali di tanti giovani che hanno dovuto scegliere da quale parte stare. 

A proposito delle storie personali, storie locali, due nostre allieve della 4B professionale hanno condiviso con gli altri alunni il video che girarono in seconda sui Luoghi della Costituzione a Lucca: la lapide di Don Aldo Mei, del prof. Del Bianco, la Pia Casa spiegando come quell’esperienza li abbia fatti crescere ed appassionare a quei valori della Costituzione che avevano studiato sui banchi di scuola.

Ha chiuso l’incontro l’intervento la dott ssa Valentina Pagliai della Fondazione Robert F. Kennedy Human Rights Italia che, partendo dalle Costituzione e dalle altre Carte Internazionali sui diritti Umani, ha voluto aprire gli occhi sulle attuali “resistenze” a cui stanno partecipando oggi giovani come loro in tanti parti del mondo. 

Perchè non vogliamo festeggiare il 25 aprile solo come giorno della memoria e del ricordo, ma come una data di ricostruzione di un mondo migliore.

 

Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS ver.7.69 del 18/12/2019 agg.31/03/2020